Regione Molise

Servizio Programmazione della rete dei soggetti deboli, dell'integrazione sociosanitaria e della riabilitazione

La struttura organizzativa regionale rappresenta l'apparato amministrativo di supporto a quello istituzionale. In attuazione della legge regionale 23 marzo 2010 n. 10, l'Amministrazione ha avviato un processo di riordino del proprio apparato burocratico suddiviso in: Servizi autonomi della Presidenza della Giunta Regionale Segretariato regionale D. I- Dipartimento della Presidenza della Giunta Regionale D. II- Dipartimento Politiche di Bilancio e delle Risorse Umane - Sistema Regionale e Autonomie Locali D. III - Dipartimento Politiche di Sviluppo D. IV - Dipartimento governo del territorio, mobilità e risorne naturali Direzione Generale per la Salute Agenzia Regionale Molise Lavoro Autorità di bacino ESU - Ente per il diritto allo Studio Universitario Fondazione Molise Cultura IRSS - Istituto Regionale per gli Studi Storici Segreterie particolari

Soluzioni proposte

Lo scopo del progetto è quello di incentivare forme sempre maggiori di autonomia anche nella pratica dello sport che porti ad un atteggiamento di apertura di tutta la comunita’.

L’obiettivo primario dell’operatività di strada è la prevenzione al fine di realizzare un programma per costruire contatti e conoscenza dei gruppi di aggregazione informale presenti sul territorio negli eventi estivi e nelle discoteche, per dare una buona informazione e un' ope

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?