SIAR - Semplicemente Rurale

Coltiviamo il tuo futuro

Il Sistema Informativo Agricolo Regionale delle Marche offre una piattaforma giuridicamente valida per il dialogo tra la P.A. e l'impresa.

Ogni comunicazione svolta in SIAR vincola le parti alla costruzione comune di un processo di sviluppo economico, di processo o di prodotto.

In SIAR l'impresa chiede il sostegno finanziario alla propria realtà aziendale ed ottiene una valutazione a norma dell'idea progettuale proposta, valida per il rimborso dalla Comunità Europea di buona parte dei costi di realizzazione o di acquisto sostenuti.

Tutti gli attori del sistema accedono a SIAR con il proprio profilo istituzionale o privato e registrano gli esiti delle proprie attività per l'avanzamento del progetto, dalla sua selezione alla materiale erogazione del sostegno.

I contenuti informativi delle varie fasi sono accessibili ai soli ruoli competenti e vengono conservati dall'Amministrazione nei termini di legge secondo le regole del Protocollo Informatico e della Conservazione Digitale, in quanto giuridicamente vincolanti ed opponibili a terzi.

La sedimentazione dei dati, oltre che dei documenti che li rappresentano, consente inoltre la produzione di statistiche anonime a supporto di enti di ricerca e di studio, in collaborazione con l'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura del MIPAAF.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Imprese dell'agroalimentare e soggetti pubblici e privati operanti a vario titolo nelle politiche dello sviluppo rurale e per la valorizzazione delle aree interne

Statistiche

Numero di soluzioni 1299
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?