PERSON - PERvasive game for perSOnalized treatment of cognitive and functional deficits associated with chronic and Neurodegenerative diseases

L' allena mente divertente

Sistema di prevenzione terziaria rivolto a tutti i soggetti a rischio o già affetti da declino cognitivo, in grado di coniugare il paradigma terapeutico della realtà virtuale immersiva con le più moderne tecnologie di micro elettronica e nano tecnologia. Il fine è sviluppare un ambiente di gioco immersivo e adattativo in grado di offrire ai propri utenti una esperienza oltre il 3D in grado di far percepire al giocatore esperienze tattili (grazie alla presenza di particolari attuatori aptici) e in grado di adattare l’esperienza di gioco a particolari pattern rilevati mediante sensoristica avanzata indossabile (ECG, EEG, GSR, …). In questo modo sarà possibile garantire un’esperienza di gioco terapeutico perfettamente adattata al paziente e monitorare l’andamento generale della terapia.
L’idea di progetto nasce dalla voglia dell’intero partenariato di sfruttare le KET (micro e nano elettronica e nanotecnologie) per raggiungere nel settore del game terapeutico risultati di avanguardia sulla scena internazionale, non solo nell’ambito del serious game tout court ma anche della cura per le affezioni neurodegenerative grazie all’uso intensivo di sensori e attuatori avanzati alcuni dei quali saranno progettati e sviluppati all’interno del progetto.
Gli impatti a medio termine sullo scenario clinico di riferimento sarebbero rivoluzionari e potrebbero cambiare il modo in cui attualmente si interviene nel monitoraggio e nella riabilitazione del paziente/utente con declino cognitivo.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?