Patto del Battistero

Un patto fra istituzioni, imprese e cittadini per uno sviluppo condiviso ed efficace del territorio

L’Agenda digitale di Biella denominata ‘Patto del Battistero’ nasce per supportare lo sviluppo del territorio e per traghettare, attraverso la creazione di una rete che idea e realizza azioni condivise, il più antico distretto tessile industriale italiano nell’era della tecnologia.

ADBiella intende erogare anche servizi innovativi e di utilità per la comunità biellese nell’ambito della: formazione, promozione e social marketing, impiantistica TLC, riqualificazione professionale, progettazione europea, servizi online, accelerazione di impresa, dati e integrazione di sistemi.

Punto di forza del progetto è il forte legame con la cittadinanza che si concretizza con:

  • laboratori di co-progettazione dove i cittadini partecipano attivamente all’analisi dei requisiti ed al controllo di qualità dei risultati;
  • governance costituita da tutto il sistema pubblico-privato che contrappone coesione alla crisi ed interviene pesantemente con risorse proprie finanziarie, umane e infrastrutturali ed un modello organizzativo snello e reattivo.
Obiettivi, destinatari e contesto: 

Le azioni previste avranno una ripercussione sui singoli cittadini (maggiore comfort nel vivere sul territorio), sulle singole imprese (maggiore competitività grazie a servizi di nuova generazione) ed anche su enti e istituzioni (maggior efficienza). La seguente misura mira a stimolare l’innovazione e la crescita economica, è rivolta ai cittadini e alle imprese cercando di migliorarne la qualità di vita attraverso una politica digitale comune di co-progettazione e messa in atto su alcuni assi condivisi.

Statistiche

Numero di soluzioni 1299
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?