Park Smart

La nuova frontiera della mobilita' urbana.

Trovare parcheggio diventa spesso un vero problema che causa perdita di tempo, aumento dell’inquinamento e del traffico. Il progetto “PARK SMART”, in linea la filosofia della smart city - condivisione di poche infrastrutture per fornire più servizi - è un sistema in grado di conoscere, in qualsiasi momento, la disponibilità e l’occupazione di stalli in una determinata zona della città. La possibilità di raccogliere informazioni utili relative ai parcheggi in real-time permette all’utente, al momento della richiesta, di dirigersi direttamente nella zona in cui è presente un posto disponibile per la tipologia del suo autoveicolo. Il sistema sfrutta l’infrastruttura fisica delle telecamere di sorveglianza, anche quella già presente in un territorio, per elaborare le immagini e fornire informazioni sullo stato di occupazione dei parcheggi ad una applicazione per smartphone o navigatore. Tramite l’ausilio di una griglia predefinita, il software escluderà automaticamente le porzioni di immagine da non analizzare, concentrandosi su una matrice (ovvero una rappresentazione virtuale del parcheggio) adibita al conteggio delle vetture parcheggiate. L’applicativo per smartphone è costituito da un software, che grazie ad un algoritmo di videoanalisi proprietario, rileva la presenza di posti occupati/vacanti, bordo carreggiata e/o in area parcheggio, e lo registra all’interno di una matrice.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?