Osservatorio provinciale sulla criminalità organizzata

Progetto di promozione e diffusione della cultura della legalità nei comuni della riviera di Rimini

L'Osservatorio sulla criminalità organizzata della provincia di Rimini è un luogo di studio, analisi e monitoraggio della presenza delle mafie sul territorio della Riviera di Rimini.

Il progetto permanente, nato nel 2013 dall'impulso del Comune di Bellaria Igea Marina, del Comune di Cattolica e della Provincia di Rimini, oggi coinvolge tutti i comuni della Riviera di Rimini. Si distingue per essere stato il primo Osservatorio permanente e strutturato fondato da enti pubblici in Emilia Romagna.

Il Comune di Bellaria Igea Marina in qualità di capofila, unitamente ai Comuni della Riviera di Rimini, intende proseguire e rafforzare le attività con una serie di iniziative sul territorio.

L’obiettivo è divulgare la consapevolezza e conoscenza del fenomeno: “con la criminalità non ci si arricchisce, ma si impoverisce un intero territorio.”

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Rendere consapevoli dell’esistenza del fenomeno criminoso sul territorio provinciale è il principale bisogno che vogliamo soddisfare. Occorre andare incontro alle esigenze delle pubbliche amministrazioni, in primis gli enti locali, ma anche alle attività economiche, ai liberi professionisti ed alle nuove generazioni. E’ fondamentale che siano note a tutti le modalità con cui la criminalità mafiosa si inserisce nel tessuto sociale/economico e su come riconoscere gli elementi anomali o “campanelli d’allarme” che possono prevenire il dilagare di situazioni criminali.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?