Occhiobello Città Libera dai Pesticidi

Ecologia integrale in città, l'ambiente come motore di sviluppo sociale

La gestione sostenibile degli spazi urbani pubblici implica, nel Comune di Occhiobello, il divieto di impiego di sostanze chimiche, preferendo azioni di controllo meccanico, termico e a vapore degli infestanti. Il Comune, prima “Città libera dai pesticidi” d’Italia, orientato a un alleggerimento della pressione ambientale, affronta le attività di diserbo meccanico connotando le operazioni da svolgere con un ulteriore significato di sostenibilità. Il principio di una “ecologia integrale” che guardi anche al contesto sociale, si realizza con un progetto di inclusione di lavoratori socialmente utili. L’impiego e l’opportunità di lavoro a operatori svantaggiati segnalati dai servizi sociali, tiene fede quindi agli impegni verso nell’ottica dei principi di sostenibilità dell’Agenda ONU 2030. Il progetto, nato nel 2015 e divulgato ai cittadini, concorre a miglioramenti ambientali e a un tessuto territoriale e sociale inclusivo e salubre.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Il progetto si propone la gestione degli spazi urbani senza l’utilizzo di pesticidi, sia per quanto attiene al diserbo che alle manutenzioni del verde ornamentale e pubblico, nonché l’affermazione di principi di inclusione sociale, al fine di realizzare quanto previsto dagli SDGs 8, 11, 14 e 15. L’educazione alla cittadinanza, la realizzazione di spazi pubblici salubri, accoglienti ed inclusivi, l’accessibilità delle informazioni ambientali, sono l’eco di questo progetto pluriennale che vede i cittadini al centro di una nuova attenzione integrata.

Statistiche

Numero di soluzioni 1324
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?