Extrauva®: estratto di semi di uva di Troia ad acino piccolo ad azione antiossidante

Valorizzazione delle qualità salutistiche dell’uva di Troia ad acino piccolo per la produzione di integratori nutrizionali

Recenti studi condotti sui diversi tipi di uva coltivati nel territorio nord-barese hanno messo in evidenza la ricchezza in componenti polifenoliche di un particolare biotipo, l’uva di Troia canosina: si tratta di un prodotto ad acino piccolo e buccia grossa quasi del tutto dimenticato dai produttori di vino a causa della sua scarsa resa produttiva. D’altra parte, la sua ricchezza polifenolica ha suggerito alla Farmalabor lo spunto del presente progetto, il cui scopo è la valorizzazione della produzione di questo tipo di uva e dell’intera filiera viticola attraverso lo sviluppo prototipale di un integratore alimentare basato su estratti naturali ottenuti dall'uva stessa.
Sono state messe a punto le procedure per l’estrazione dei principi dall’uva e la conseguente purificazione di principi attivi naturali da destinare all’industria alimentare, nutraceutica e al settore dell'itticoltura. Stabilite tali procedure e caratterizzato analiticamente il fitocomplesso estratto, è stato registrato il marchio (Extrauva®). Tale fitocomplesso è stato utilizzato per la produzione di integratori alimentari, notificati al Ministero, ai quali sono stati associati dei claims salutistici supportati da evidenze scientifiche attraverso sperimentazioni in vitro ed in vivo, condotte secondo procedure opportunamente standardizzate.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1495
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?