Energy Diary

Un passo verso la gestione consapevole dell'energia

Energy Diary è una piattaforma per la gestione condivisa dell’energia negli edifici pubblici. Tutti coloro che incidono sui consumi di energia negli edifici pubblici, potranno accedere alla piattaforma dal proprio pc, tablet o smartphone. Energy Diary è un sistema dinamico che consente l’ottimizzazione degli interventi di efficienza energetica attraverso la collaborazione di chi vive all'interno degli edifici pubblici; dà consapevolezza degli usi energetici; consente la programmazione di nuovi interventi e un uso più razionale dell’energia. Energy Diary diventerà il curriculum vitae delle azioni energeticamente efficienti attuate in ogni edificio e consentirà di ottenere monitoraggi energetici, lo sviluppo di un sistema di gestione dell’energia, l’analisi di indicatori energetici, l’implementazione di diagnosi energetiche, reports su incentivi e risparmi.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

La piattaforma aumenta la consapevolezza degli utenti e dell’Amministrazione sull'utilizzo dell’energia nelle strutture pubbliche, fornendo una visione più completa del contesto; consente di ottimizzare gli interventi di efficientamento energetico grazie alla collaborazione di tutti coloro che lavorano per questi edifici; permette di ottenere una riduzione dei consumi. Il sistema infine, essendo “aperto”, può adattarsi a diversi contesti e si presta a diventare un supporto importante per i piccoli comuni che non hanno una struttura centralizzata per la gestione in ambito energetico e che spesso attuano interventi di minor efficacia perché non studiati in un’ottica di sistema.

Statistiche

Numero di soluzioni 1300
Opinione più recente Le barriere iniziano crollare!!!!
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?