DiDOC 4.0

Orchestratore di processi e atti amministrativi

Il progetto DiDOC 4.0 - Orchestratore di processi ed atti amministrativi - nasce alla fine del 2016 dalla volontà del Consiglio regionale della Puglia di dotarsi di una piattaforma WEB usabile, collaborativa, accessibile, open source, interoperabile e tecnologicamente neutrale in grado di «orchestrare» i processi amministrativi ed attuare una intelligente, efficace e partecipata PA digitale senza carta, attraverso il paradigma dati - registrazione - processo - ruolo.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Piattaforma WEB usabile, collaborativa, accessibile, open source, interoperabile, integrata e tecnologicamente neutrale, in sintonia le norme vigenti; Creazione facilitata e collaborativa di tutti i documenti; Gestione e monitoraggio dei flussi documentali, con replica dei flussi autorizzativi e burocratici di Atti e Documenti; Firma Elettronica Avanzata completamente integrata nella piattaforma; Interazione automatica con gli strumenti per l’accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni (Amm. Trasparente, Albo Pretorio on line, etc.); Erogazione di servizi pubblici digitali end-to-end efficienti, inclusivi, personalizzati e intuitivi per tutti i cittadini e le imprese, in sintonia con il Piano di Azione dell’UE per l’eGovernment 2016-2017. I destinatari sono gli Enti Pubblici e le loro Strutture. I fruitori delle informazioni sono tutti gli stakeholder (cittadini, imprese, soggetti politici e titolari di cariche, Enti, PPAA, etc.).

Statistiche

Numero di soluzioni 1324
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?