CCS ITALIA

Battere la crisi con il nuovo mercato telematico per la compensazione dei crediti statali

E’ un progetto che si inserisce all’interno delle recenti previsioni normative in tema di compensazione e certificazione dei crediti commerciali vantati dalle  imprese fornitrici di beni e servizi per le pubbliche amministrazioni. L’idea è quella di realizzare una piattaforma che avvalendosi delle funzionalità dell’attuale sistema di certificazione dei crediti in capo al MEF sia in grado di consentire lo scambio virtuale di crediti certificati tra tutti gli attori interessati. Il mercato nasce in particolare dall’esigenza delle imprese creditrici di monetizzare, a valle di compensazioni fiscali, i propri crediti senza ricorrere al sistema bancario ovvero permettendo ad altri soggetti privati di estinguere, a “buon mercato”, le proprie posizioni di debito con il sistema fiscale e tributario dell’amministrazione pubblica.

La nuova soluzione:

  • accesso al servizio di compensazione dei crediti da parte delle imprese
  • collegamento con Consip per la certificazione del credito
  • collegamento con la PA ed i Concessionari per la compensazione delle Imposte
  • collegamento con le Banche di appoggio dell’Impresa e della PA per riscontri ed erogazione materiale 
  • certezza e trasparenza delle procedure e dei documenti prodotti
  • integrazione con il sistema di tesoreria e con il workflow degli Enti
  • integrazione con strumenti esistenti (Piattaforma CONSIP)
Obiettivi, destinatari e contesto: 

La soluzione non è stata ancora presentata

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?