Cantieri di Casa Italia

10 interventi di messa in sicurezza di edifici pubblici a uso residenziale - in siti particolarmente esposti ai rischi naturali - anche sperimentali e innovativi per tecniche e materiali utilizzati nonché per adozione di metodologie che minimizzino il fastidio per gli abitanti degli edifici prescelti. Prototipi che sia possibile replicare e diffondere altrove. Gli interventi strutturali saranno accompagnati da attività sia d'informazione e sensibilizzazione della popolazione, con particolare riguardo alla popolazione giovanile, per migliorare la consapevolezza tra i cittadini dei rischi sismici e delle buone pratiche di prevenzione individuale e collettiva, sia di rafforzamento degli enti locali, anche in termini di back office digitale, su politiche e strumenti per la prevenzione, analisi delle scelte urbanistiche e strutturali del recente passato, coinvolgimento delle università e della comunità scientifica e formazione dei tecnici volti a diffondere la cultura della sicurezza.

Obiettivi, destinatari e contesto: 

Obiettivi: • Messa in sicurezza edificio pubblico • Sensibilizzazione dei cittadini sui temi della sicurezza • Restituzione di un quadro di conoscenze rilevanti • Modernizzazione delle funzioni amministrative rilevanti Destinatari finali: I Cantieri saranno aperti a Catania, Feltre, Foligno, Gorizia, Isernia, Piedimonte Matese, Potenza, Reggio Calabria, Sora e Sulmona. Il progetto deve essere il "volano" per interventi analoghi nei Comuni italiani a più alto rischio sismico e a cascata secondo la classificazione del rischio nel resto dei Comuni italiani.

Vinciamo insieme le sfide per una PA che funzioni meglio! Segnala la tua soluzione!

Menú utente

Statistiche

Numero di soluzioni 1447
Opinione più recente Riorganizzazione del servizio di assistenza socio sanitaria
Opinione meglio votata BASTA PERDITE DI TEMPO IN FILE ALLE POSTE O IN BANCA
Amministrazione più propositiva Regione Puglia

FORUM PA Challenge logo

A ciascuno la sua parte: noi ci prendiamo la responsabilità di elencare alcune “sfide” che lanciamo a quelli che non si sono rassegnati e hanno ancora voglia di mettere la loro intelligenza e la loro creatività al servizio del bene comune. Chi raccoglie la sfida?